s
s
s
s
s
s
s

El contenido de esta página requiere una versión más reciente de Adobe Flash Player.

Obtener Adobe Flash Player

ALEXANDRA FIRITA
Nacionalidad:
Italia
E-mail:
alex_firita@yahoo.com
Biografia

ALEXANDRA FIRITA

Nascuta in Romania, rezidenta in Italia dal 2009

Studii Asistenta medicala de obstetrica ginecologie/ Asistenta medicala de medicina generala, Bucuresti

 Facultatea de Psihologie si Pedagogie, Bucuresti

Autoarea a volumelor de poezie NOSTALGII (1998), POEME CREPUSCULARE (1999), DESCANTAND TACERILE (2000), NETIHNA CEASULUI FARA SFARSIT (2002), LA PRAGURI DE APE (2004), APARTINAND CLIPEI (2014) in limba romana si LA MIA POESIA VIENE DA LONTANO (2017)

Membru al Uniuninii Mondiale a Scriitorilor Medici, membru fondator al Asociatiei pentru Cultura si Traditie Istorica Bolintin Vale (ACTIB), Asociatia Culturala L’OFFICINA DELLE BUONE IDEE (Cigognola, Italia).

 

GLASUL PLOII

 

Văduvit de trecători oraşul
se întinde lasciv pe trotuare
şi îşi declină apartenenţa la social.

Cu artere rigide de asfalt înfipte în inima lui

 secatuită de energia unui surâs
intră într-un colaps ireversibil
pe măsură ce noi, ascunşi în grota absenţei
ne căutăm alte dimensiuni

Îşi clatină cerul coama de stele
peste mări azurii înspumate
şi luna se multiplică înecându-se în zori
când nuferi imenşi norii albi plutesc peste val

căutându-ne, chemându-ne.

Cineva a pus preţ pe distribuirea aerului
ce trebuie respirat cu porţia.
Prea mulţi sărmani şi prea strâmpt acest oraş

în care caruselul din piaţa mare îşi clatină braţele goale.
Se adânceşte tăcerea prin porţile închise bătute

 în cuie de vânătorii de zei
şi nici vântul nu poate pătrunde
doar gândurile încă necenzurate
scriu şi rescriu istorii desenând
linii şi puncte pe ecranul conştiinţei.

Uneori se aude doar glasul ploii umblând desculţ

cum un copil ce descantă melcii prin ierburi.

Eu dorm si nu vreau să mă mai trezesc

cu frunzele plamânilor mei mărşăluind
printr-o primăvară bandajată la gură.

 

AH, POETUL

Veti spune ...ah, poetul, acel filfizon
cu părul vâlvoi şi surâsul amar aninat
de buzele-i cu miros de cuvinte,
acel trubadur însetat de cer, beat de fraze
şi de elixirurile acunse-ntre punctele cardinale ale unui poem
e un biet târâie brâu prin cetatea plină
de ambiţii efemere...

Cine a vazut un poet de aproape a zis,
uite, acest nefericit sclav al condeiului

ştie să facă din noaptea amară dulcea floare de soare

şi mai ştie pe acea boţită coală de hârtie

să contruiască o lume numai a sa,
fericitul, cum se mai îmbătă cu doua metafore

la finalul acestui prafuit deceniu...

Eh şi iarăşi el, poetul cu mantaua-i de vise
încă nevisate, prin pieţe îşi lungeşte umbra
şi cu glasul lui tumultos povesteşte despre ceea ce ochiul

vostru orbit de ambiţii deşarte nu a vrut să vadă ...

Şi mai duce cu el arome din primăveri trecute
în grabă
foşnetul mării ascultat într-o vară fară identitate
toamne pline de mere şi de frunze rătăcite
prin parcuri
şi de ierni pline de zăpezi şi de zurgălăi...

Veti spune la toate acestea nu e timp de visare
mai avem un razboi de terminat
şi o armă secretă extragalactică de experimentat
şi mai avem de asasinat nişte lumi ce au fost

şi nu au drept de vot la evoluţia speciei
şi de inventat o altă noua robotizată lume
căci asta a pierdut pasul, s-a scrântit de tot
şi nu mai e bună...

Da. Nu e timp pentru ei, artizanii cuvintelor,

atemporalii visatori, altele sunt prioritaţile.

Nu nu mai e timp, ziceţi voi împăraţii lumii
şi voi îmbuibaţii lefegii în slujba popoarelor,
dar poetul suprem EL, Dumnezeu,

mai are încă timp să vă asculte...

 

NOI LE DONNE

 

Noi le donne, meravigliose creature

che chiudiamo le porte dell'animo e ci portiamo dentro 

nel lungo viaggio della vita i cari tesori,

come le navi che galleggiano sui mari del mondo...

Noi un mondo di donne che gridano la loro libertà,

da vivere senza i veli, senza il burka,

senza altre costrizioni, i loro ideali i loro pensieri,

siamo qui dall' inizio del mondo assieme a voi uomini;
quando tu Adamo eri da solo e Dio ci fece

per darti il coraggio di affrontare la vita

che era sbocciata dal nulla,

eravamo noi, le donne, uomo e donna, ad allevare i figli,

noi due stesso corpo e stessa carne ad accendere

i fiori sui rami, a riempiere l'aria di piccole vocine

e l'orizzonte di gioie.

Nelle nostre notti stellate non avrei mai pensato

mai che tuo uomo, carne della mia carne,

arrivassi a calpestarmi, a far scorrere il mio sangue

per inventarti altre storie, altri mondi, altri dèi.

Mai nelle nostre lunghe notti invernali

si parlava di paura di vivere, di amare senza frontiere,

c'è la parola che dice:
"la donna sia onorata rispettata e protetta dal tuo cuore,

dal tuo braccio, mai venduta in fretta

per due soldi in un mercato schifoso lontano

dai confini natali, mai sputata in faccia"

Almeno per solo un attimo tu uomo se avessi

il ruolo di donna nel far nascere i bambini,

nel fare la domestica, essere venduto come una schiava,

fare la puttana in posti tenebrosi,

essere picchiato, odiato, ucciso

solo così a parità di modi capiresti che il nostro grido

non è una moda o uno capriccio ma viene dalla sofferenza.

Saresti così avvertito che noi siamo sempre

un mondo di donne che sanno combattere

e vincere le guerre senza spargere il sangue di alcuno...

Non dimenticare Adamo che noi - questa femminile gente –

siamo qui per allevare i sorrisi sul tuo volto,

per generare quell'ambìto mondo di pace.

Noi le donne, creature meravigliose che accendono le stelle.

 

LA POESIA

 

                        La mia poesia è là,

lì dentro di me, dentro i miei sogni,

nei miei pensieri, nelle mie fatiche.

Nasce allo stesso tempo con l’alba

con il vento sul mare

con le pietre baciate d’eterno;

muore al tramonto per la

bellezza della luce scalata

dentro di me, per i miei amori,

per i miei dolori

e muore un po’ per risvegliarsi

più bella, più forte, più affascinante

per ripulirmi la mente imprigionata

in una vita che scorre

tra la rabbia, l’indifferenza, l’odio

in una vita che sale e scende

per cancellare il tempo, il denaro

le paure, i confini, la solitudine.

 

                        La poesia sei tu che oggi stai

piangendo le tue amate perle

perse chissà dove, o il tuo strepitoso

vestito da ballo strappato

chissà come.

 

                        La poesia è lui che lavora

la terra, che suda, con

le braccia nude cantando

con le foglie, con le erbe.

 

                        La poesia sono loro, persi

nelle preghiere, nelle guerre,

con il volto sconosciuto, con

le speranze nelle anime,

con la fame di essere.

 

                        La mia poesia viene da lontano

con i passi piccoli

che sono gocce d'acqua viva

e mi fa cantare il sangue,

scintillare gli sguardi,

fermando il tempo, bruciando

qualsiasi convenzione, ribellandomi

contro le mie tranquillità.

 

                        A volte mi sgrida e va via

in fretta lasciandomi in un mondo

pieno di nebbia,

di silenzi, di domande.

 

Ma lei è li, dentro tutte le cose,

dentro di me, lei

è la mia terra, il mio pane, la mia libertà.

 

 

LA VOCE DELLA TERRA

 

Il silenzio si stende come una peste,

la nebbia radioattiva sta spegnendo le luci

del mio spazio vitale
il mio angolo dell'Universo invaso è
da strani dolori
mi fa male il deserto dove mi sono risvegliata

nel cuor della notte con le labbra sanguinanti,

con le braccia arse contorte da spasmi
ho gridato con gli tsunami
e le onde dei miei mari dei miei oceani

hanno cercato te uomo e donna per trovare una risposta,
a volte i miei monti tossiscono con fumo e cenere
e fuoco buttano dal loro ventre sbrindellato

dalle tue ricerche caotiche ed io cerco un tuo soccorso.
Uomini e donne, padri e madri,

quel male da dove arriva per annebbiare

i sereni occhi della giornata e i divini tramonti

e la notte stellata?
Né passeri, che fino a ieri riempivano la mia vista

con la gioia del cinguettio, né pesci né leoni

né i vostri figli nati nel mio dolce paradiso terrestre

giocano nei miei   campi contaminati.
Mi fanno male le mie dita verdi guarnite di foglie
e le vertebre dei mammuth custoditi

nei miei ricordi di tenero bimbo,
mi piange il cuore le sue lacrime sciolgono

diamantini ghiacciai polari e voi donne e voi uomini

non capite mai i miei sintomi
il vostro coraggio finisce davanti a cosa, a chi?

Ogni giorno le mie ferite aumentano ma

non è mai tardi per curarle
mai sarà tardi per ascoltare le mie piccole voci

che chiamano il vostro immediato risveglio.

Sono Madre Terra, la vostra casa, che vi porta in viaggio

nel cosmo infinito sempre silente
ma non più perenne se la vostra follia

non sarà chiusa dentro il vaso di Pandora,

maga infausta e dannata.

Sono Gaia, vostra madre, che non vuole

un ricovero permanente fra i meteoriti

e le stelle cadenti.
Tu, uomo e donna dove avete perso la vostra saggezza?
La mia speranza ancora non mi è mancata.

La salvezza viene da voi se sapete fermarvi

solo un istante e guardare i miei campi i miei fiumi

e i colli che, sempre vostri, sono sempre più vuoti

e privi di voi, uomini e donne,

mio popolo terrestre che Dio me m'ha concesso.

Voi donne e uomini fatti della stessa sostanza

di cui Dio mi fece nel suo primo giorno
non spegnete la luce divina che ha messo in voi...

 

 

 

Desarrollado por: Asesorias Web
s
s
s
s
s
s
s