s
s
s
s
s
s
s

El contenido de esta página requiere una versión más reciente de Adobe Flash Player.

Obtener Adobe Flash Player

Iana De Muro
Nacionalidad:
Italia
E-mail:
iana.demuro@gmail.com
Biografia

Iana De Muro

Iana De Muro è nata ad Arzachena nel 1959 e si è laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli studi di Bologna. Ha insegnato francese nelle scuole superiori di Olbia e Arzachena.

Appassionata alla scrittura, fin da giovane, maturata l’età della pensione, si dedica interamente alla sua passione. Ha vinto diversi premi letterari, sia per la poesia, sia per la prosa, in ambito nazionale e diversi racconti e poesie sono stati pubblicati in antologie.

 

                                                          ARMONIE PRIMORDIALI     

                                               

 Vieni nei miei spazi di sogno,

 ad ascoltare i silenzi dell’anima,

 a vedere magici orizzonti.

 Spazi inviolati, abitati da colori

 e da suoni  di melodie primordiali.

 Spazi della mente che solo noi

 possiamo rendere

 Paradiso  o Inferno,

 o limbo  da chi non osa essere artefice

 della propria vita.

 Vieni nei miei spazi di sogno,

 in punta di piedi  e senza fare rumore.

 Ti condurrò in cima ad un monte

 da dove in mondo

 ha i colori dell’arcobaleno.

 

                                                               Eternità dell’ “Infinito”            

 

Nella quiete di sovrumani silenzi,

da un solitario colle

spazia lo sguardo verso l’ignoto e

rievoco dell’ “Infinito” i versi. 

Incessanti vertigini,

emozioni senza tempo,

oltrepassano sguardi  e orizzonti.

Nel pentagramma dei secoli

vibrano ai confini dell’eterno

e, come lieve e soave musica di stelle                                     

delle  perenni costellazioni,

di assoluto colmano l’animo.   

 

                                                                          Tempo sospeso

 

Nel limbo di un tempo sospeso,

crisalidi imbozzolate,

restiamo in attesa

di luminose albe.

Dal pozzo della speranza

rinnovate energie attingiamo

e nuova luce

in fondo all’anima.

Verrà di nuovo il tempo

di sperimentare

l’ebbrezza del volo

e allora, anche l’aria

sembrerà un dono.

 

                                             Verranno giorni                                          

 

Verranno giorni      

in cui vivrai di ricordi

e saranno

le uniche pagine del passato

che non vorrai cancellare.

Ti faranno compagnia

nelle sere dell’inverno

dei tuoi anni.

Come raggi di luce

illumineranno

la tua esistenza                                                                                                                     

e quello che un giorno

era niente, improvvisamente,

apparirà prezioso.

Perla diventerà il vissuto,

da custodire dentro l’ostrica

e da guardare,

quando l’anima

avrà  sete di speranza.

 

                                  Fiocchi di neve

 

Rifulge di un bagliore accecante

la valle di bianco ammantata.

Lievi, cadono fiocchi di neve, candidi,

come i sogni di un bambino.

Silenziosi volteggiano

in una danza muta e, come

bianche farfalle di alabastro,

ricamano trine sui nudi rami,

sfolgoranti come cristalli,

magia e incanto

dell’inverno impietoso,

prima che le dormienti gemme

prorompano ad annunciare

l’amata primavera.

 

Desarrollado por: Asesorias Web
s
s
s
s
s
s
s